Wishlist
  • No products in the cart.
Back to top

Shop

robert kirkman charlie adlard THE WALKING DEAD sequenza TP 1 2 3 4 5 saldapress

55,00

1 disponibili

Descrizione

IL PIU’ BEL FUMETTO DEDICATO AI MORTI CHE CAMMINANO E CHE HA ISPIRATO LA CELEBRE SERIE TELEVISIVA FOX

SEGUITE LE GESTA DEL POLIZIOTTO RICK GRIMES E DEGLI ULTIMI SOPRAVVISSUTI DELL’UMANITA’

PERDETEVI LUNGO LE DESOLATE STRADE D’AMERICA E SCOPRITE SE FANNO PIU’ PAURA I MORTI CHE CAMMINANO O GLI ULTIMI ESSERI VIVENTI RIMASTI IN CIRCOLAZIONE


Robert Kirkman – Tony Moore – Charlie Adlard – Cliff Rathburn

THE WALKING DEAD


hanno da poco clonato artificialmente l’ hamburger di manzo, ma quello frollato e stagionato di zombie resta sicuramente il più gustoso e saporito, anche se a volte è un pò indigesto, e comunque è a lunghissima conservazione (quasi eterna) e non c’è neanche bisogno conservarlo in freezer

ecco dunque per gli inappetenti, i denutriti, gli anoressici e tutti i morti de fame in genere una occasione ghiotta ed allettante per conoscerlo ed assaggiarlo , con questo raccapricciante e stomachevole pack promozionale dei primi 5 volumi in edizione libreria : eleganti e prestigiosi, ma ugualmente pratici e maneggevoli, nel molto più godibile formato originale del comics americano, con ben 6 episodi in ogni numero, quindi in pratica vi sbranate le storie da 1 a 30 comprese, che corrispondono ai primi 7 numeri più metà dell’ ottavo della successiva versione economica da edicola


SEQUENZA COMPLETA DEI PRIMI 5 VOLUMI DELLA EDIZIONE BROSSURATA PER LIBRERIE E FUMETTERIE 

1. GIORNI PERDUTI

2. IL LUNGO CAMMINO

3. AL SICURO DIETRO LE SBARRE

4. LA FORZA DEL DESIDERIO

5. LA MIGLIOR DIFESA


COLLANA ZETA COME ZOMBIE , VOLUMI BROSSURATI CON BANDELLE LATERALI DI 144 PAGINE CIASCUNO, IN BIANCO E NERO, FORMATO CM. 17,3×26,1

 

TUTTI I 5 VOLUMI SONO IN CONDIZIONI OTTIME

L’agente Rick Grimes lavora come poliziotto in un piccola cittadina del Kentucky. Ama sua moglie Lori e adora suo figlio Carl. La sua arma ha sparato solo un paio di volte e mai contro qualcuno.


Un giorno, mentre è di pattuglia con il suo collega Shane, si becca una fucilata che gli trapassa il torace. Ed entra nel buio.
Quando si risveglia dal coma è in una stanza d’ospedale. Completamente solo. Rick è un ragazzo sveglio, ci impiega poco a capire che qualcosa non va.
Ed è a questo punto che la sua odissea ha inizio…

Ed è esattamente qui (per la precisione a pag. 2 della storia di questo primo volume pubblicato in Italia da saldaPress) che noi smettiamo di raccontare per non rovinarvi il piacere della lettura. “THE WALKING DEAD: GIORNI PERDUTI”, infatti, è una storia assolutamente straordinaria, da gustare tutta d’un fiato dall’inizio alla fine. Rick Grimes cattura fin da subito la nostra simpatia e da quel momento siamo fregati, non potremo fare a meno di chiederci, pagina dopo pagina, cosa gli succederà dopo…

Robert Kirkman, l’autore che ha ideato il progetto, e Tony Moore, l’artista che ne ha reso magnificamente le atmosfere per questo primo volume hanno vinto la difficile scommessa di dare vita a uno zombie-comic che riuscisse a recuperare lo spirito di critica sociale presente nella seminale “trilogia dei morti viventi” firmata dal regista George Romero (in Italia, La notte dei morti viventi, Zombie e L’alba dei morti viventi), riuscendo al contempo a rinnovare una forma che l’industria della pop-culture contemporanea aveva appiattito sulla dimensione horror-splatter.

Leggiamo infatti nell’introduzione di Robert Kirkman al volume: “Non è mia intenzione terrorizzare nessuno. Se ciò avverrà ugualmente, a causa della lettura di questa storia, allora o.k., ma davvero… questo non era ciò che avevo in mente. Quello che tenete ora tra le mani è la cosa più seria che mi sia capitata di scrivere nella mia carriera. […] Con The Walking Dead intendo indagare i modi in cui le persone reagiscono di fronte alle situazioni estreme e come ne escono cambiate. È questo il mio scopo sulla lunga distanza. Vedrete Rick mutare e maturare al punto che quando vi guarderete alle spalle finirete per non riconoscerlo più. Spero che vi piacciano i racconti epici, perché è proprio ciò che ho in mente per questa storia.
Tutto in questo libro tende a mostrare la naturale progressione degli eventi che ritengo si verifichino in situazioni di questo tipo. È un’opera molto incentrata sui personaggi. Il modo in cui questi personaggi raggiungono una determinata meta è molto più importante del fatto che la raggiungano. Spero di riuscire a farvi scorgere in essi l’immagine riflessa dei vostri amici, dei vostri vicini, delle vostre famiglie, di voi stessi, e lasciarvi intravedere quali potrebbero essere le loro reazioni (e le vostre) di fronte alle situazioni estreme presenti in questa storia.”

Negli Stati Uniti la saga che ha per protagonista Rick Grimes ha ricevuto critiche entusiastiche e, nel 2004, una candidatura al prestigioso Eisner Award come migliore serie esordiente. Nel 2006 al capolavoro “zombiesco” di Robert Kirkman è stato assegnato il prestigioso riconoscimento britannico Eagle Awards. 

Con Giorni perduti ha inizio la prima zombie-saga della storia del fumetto mondiale: Robert Kirkman e Tony Moore getterano il loro protagonista in una terra desolata in cui la società precipita al suo grado zero. Niente più tv, patatine e soffici poltrone: se volete seguire Rick Grimes in questo primo volume della sua angosciosa ma avvincente odissea, mettetevi pure (s)comodi e… cominciate a leggere!

 Sono ormai passati mesi, da quando Rick Grimes, “sbirro di provincia”si è destato dal coma per scoprire che il mondo che conosceva non esiste più. Nel “nuovo mondo” i morti camminano sulla terra e sopravvivere significa dover quotidianamente fare i conti con la propria umanità.


Con “THE WALKING DEAD: IL LUNGO CAMMINO” prosegue la più famosa zombie-saga del fumetto statunitense: Robert Kirkman e Charlie Adlard (che sostituisce ai disegni Tony Moore, il quale continua ad illustrare le copertine della serie) gettano il loro protagonista – e noi lettori con lui – in una terra desolata in cui la società ritorna al grado zero e l’umanità, per non soccombere, deve tornare ad aggrapparsi alla propria capacità di adattamento.

Kirkman riprende il racconto esattamente da dove l’aveva lasciato… anzi, no… da un po’ prima. Quanto basta per introdurre fin da subito uno di quei colpi di scena “alla Kirkman” che, dopo l’esperienza del primo volume, abbiamo imparato a conoscere (ma non ad aspettarci).

Rick e i suoi nuovi compagni decidono di lasciare i dintorni di Atlanta alla ricerca di un posto in cui sentirsi al sicuro, per stabilirsi e ricominciare a vivere. Ma la vita (o la morte) non si prendono pause. E, a volte, il posto più sicuro finisce per essere proprio quello in cui, nella vita di prima, seppellivamo le nostre paure.
Lungo la via li aspettano il freddo e la fame, la delusione e la perdita. Ma anche di fronte alla disperazione più cupa, la piccola comunità di sopravvissuti troverà la forza per reagire e ripartire ancora una volta.

Scrive Simon Pegg nella sua postfazione al volume:

“The Walking Dead cattura intelligentemente la semplice verità che, anche di fronte all’Armageddon, le piccole cose rimangono inalterate. Continuiamo ad amare e ad odiare le stesse persone. Continuano a piacerci gli stessi gruppi musicali, ci arrapiamo, soffriamo di vertigini e abbiamo paura dei ragni. Con sensibile abilità, Kirkman concentra la propria narrazione sulle persistenti minuzie dell’esistenza umana e utilizza un’apocalisse zombiesca a tutto campo per portarle in primo piano. Spesso le radici dell’invenzione fantastica sono profondamente immerse nella realtà. È questa semplice verità a rendere The Walking Dead una lettura così avvincente.
Ora, magari si è tratta solo di un sacco di stronzate, teorizzazioni da scuola di cinema, ma, come tutti noi sappiamo bene, non è affatto saggio sottovalutare uno zombie. Così, se per caso sei un fan che si appresta a divorare voracemente questo volume, aprendoti la strada in fretta, pagina dopo pagina, alla ricerca famelica del prossimo brandello d’informazione, fai un bel respiro e parti con calma. Assaporati la lettura, riflettici su, ragionaci e, come uno zombie che si rispetti, prenditela con calma”.

THE-WALKING-DEAD-VOL-3-AL-SICURO-DIETRO-LE-SBARRE-KIRKMAN-MOORE-ADLARD

I recinti serviranno a tenerli fuori. In un posto come questo si potrebbe persino ricominciare a chiamare “vita” il susseguirsi delle giornate condizionate dalla sopravvivenza. Le sbarre proteggeranno i loro sonni. Le inferriate veglieranno sui loro sogni. Tra queste mura solide tenteranno di costruire il loro futuro.
Rick Grimes e i suoi compagni, ormai allo stremo, giungono alle porte della loro nuova casa. In un mondo in cui i morti camminano fra i vivi, l’idea di cercare la sicurezza perduta dietro le pareti di un penitenziario non è poi così assurda. Certo, prima bisognerà occuparsi dei “vecchi inquilini”…
Con “Al sicuro dietro le sbarre” SaldaPress prosegue la pubblicazione della più famosa zombie-saga del fumetto statunitense: Robert Kirkman, Charlie Adlard e Cliff Rathburn gettano i loro protagonisti – e noi lettori – in una terra desolata in cui la società ritorna al grado zero e l’umano, per non soccombere, deve tornare ad aggrapparsi alla propria capacità di adattamento.
E se a crollare non sono più solo le barriere di ferro e pietra, ma le ben più fragili costruzioni dell’animo umano, il nemico all’esterno rischia di diventare l’ultima delle preoccupazioni.

THE-WALKING-DEAD-VOL-4-LA-FORZA-DEL-DESIDERIO-KIRKMAN-MOORE-ADLARD

Chi sono i morti che camminano? Quelli di là dei cancelli della prigione che ci fissano con occhi vuoti o questi di qua che si battono tra di loro per conquistare un posto sicuro in cui vivere?
E la legge che dice che “se uccidi muori” deve valere per tutti sempre e comunque?

Al di là dei recinti, oltre il buio degli alberi, forse qualcun altro è sopravvissuto e Rick, Glenn e Michonne partono per un viaggio che li precipiterà in un incubo di ferocia e violenza oltre ogni immaginazione. Nessuno ne uscirà indenne e le ferite più profonde non saranno quelle visibili.
Con “La miglior difesa” si apre un nuovo capitolo della più famosa zombie-saga del fumetto statunitense: Robert Kirk-man, Charlie Adlard e Cliff Rathburn gettano i loro protagonisti – e noi lettori – in una terra desolata in cui la società ritorna al grado zero e l’umano, per non soccombere, deve tornare ad aggrapparsi alla propria capacità di adattamento.





Informazioni aggiuntive

Peso 4.90 kg
Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

You don't have permission to register