Wishlist
  • No products in the cart.
Back to top

Shop

PECOS BILL albo d'oro mondadori N.281 58° episodio LA LEGGE DELLA PRATERIA 1951

9,79

1 disponibili

Categoria:

Descrizione

Cod.EA

PECOS BILL
IL LEGGENDARIO EROE DEL TEXAS

58° LVIII Episodio

LA LEGGE DELLA PRATERIA 

LA COAZIONE A RIPETERE DEGLI EROI WESTERN DI FABBRICAZIONE NOSTRANA, INAUGURATA DAL PRECURSORE E BATTISTRADA KIT CARSON NEL 1937, HA UN SUSSULTO DECISIVO DI DIGNITOSA QUALITA’ E SI IMPONE A LIVELLI DI DIFFUSIONE POPOLARE SEMPRE MAGGIORI AVVIANDOSI AI MASSIMI TRIONFI EDITORIALI ALLA FINE DEGLI ANNI QUARANTA PRIMA CON L’ AMBIGUO TEX BONELLIANO (UN FARABUTTO EMARGINATO E DEVIANTE CHE POI SI REDIME E DA LADRO SI RICICLA OPPORTUNISTICAMENTE IN GUARDIA, COME DEL RESTO AVEVANO APPENA FATTO TANTI EX FASCISTI) E SUBITO DOPO CON QUESTO DINAMICO  E SGARGIANTE PECOS BILL RIPRESO DALLA LETTERATURA D’ APPENDICE AMERICANA DI INIZIO NOVECENTO E SAPIENTEMENTE RIADATTATO DA MARTINA PER IL CONFUSO IMMAGINARIO ED IL DIFFICILE MERCATO DI UN PAESE CHE STAVA ANCORA FINENDO DI RIMUOVERE LE MACERIE MATERIALI E CULTURALI DI OLTRE VENT’ANNI DI OLIO DI RICINO PRIMA E DI BOMBE POI, PER RICONVERTIRSI APPARENTEMENTE IN UN ALLEGRO E QUASI SPENSIERATO TEATRINO DI DIVERBI E DISPUTE ACCESE MA LEALI TRA PEPPONI E DONCAMILLI.


 

Nella pagina centrale : LA GALLERIA DI PECOS BILL – Yohnny Yohn


Testi di GUIDO MARTINA

Disegni RINALDO DAMI (ROY D’AMY)



ALBO D’ORO n.281 , 29 settembre 1951, Arnoldo Mondadori Editore, spillato, formato cm. 17,3×24,6 , a colori, 36 pagine

IN BUONISSIME CONDIZIONI


Il 15 gennaio 1937 la casa editrice Mondadori, che in Italia ha l’esclusiva sui personaggi Disney, mette in edicola una collana, a tiratura mensile, che dopo 41 numeri, il 15 agosto 1940, viene sospesa.
Si tratta dell’Albo d’Oro, un fumetto di grande formato (circa 18 per 25 cm) con 36 pagine, alternate a coppia in bianco e nero e a colori, la cui produzione riprende l’11 maggio 1946 con una tiratura questa volta settimanale.
Dopo qualche tempo la produzione delle storie Disney comincia a diventare insufficiente rispetto alla periodicità settimanale dell’Albo d’Oro.
Viene dato quindi allo scrittore Guido Martina e al pittore Raffaele Paparella (successivamente affiancato dai pittori Pier Lorenzo De VitaGino D’AntonioAntonio CanaleRinaldo D’AmiPietro GambaDino Battaglia e altri) l’incarico di realizzare un nuovo fumetto da inserire nella collana.
Nasce così Pecos Bill, il cui primo albo, l’Albo d’Oro n. 186, esce il 3 dicembre 1949.
Guido Martina si documenta scrupolosamente e meticolosamente, leggendo parecchie pubblicazioni americane su questo eroe un po’ spaccone che cavalca gli uragani, cattura le stelle con il suo lazo in una terra, il Texas, dove tutto è più grande che in tutto il resto del mondo e dove le mosche sono grosse come aquile.

Ma il Pecos Bill di Martina, pur immerso in un’atmosfera quasi magica, è un personaggio più realistico ed è affiancato da persone realmente vissute, trasformate naturalmente secondo la visione dell’autore.
C’è un Davy Crockett (personaggio in cui Martina dimostra la sua sottile ironia), che nella realtà è morto ad Alamo nel 1836, una dozzina di anni prima, e una Calamity Jane, che invece nasce solo nel 1852, ben quattro anni dopo rispetto il leggendario 1848, anno in cui iniziano le avventure di Pecos Bill, eroe elegante, biondo con una curiosa frezza di capelli neri, pantaloni con frange svolazzanti e sempre in ordine, avventure che sono immerse in una fantasia più credibile rispetto al mito creato dal folklore americano.
Nelle sue storie non mancano i personaggi femminili: tutt’altro.
Sono sempre presenti, sia le eroine, sia le donne malvagie, che però spesso si ravvedono.
E naturalmente non manca la fidanzata, la piccola Sue, profondamente innamorata e ricambiata dal suo Pecos Bill.
E non manca neppure l’eroina segretamente innamorata di lui: la ex fuorilegge, già citata, Calamity Jane, rude e intrepida, ma debole come una donna innamorata.
E infine non manca, non ultimo, il suo fedele amico e fratello Penna Bianca (che curiosamente ha le stesse iniziali di Pecos Bill), guerriero della gloriosa tribù degli Apaches Athapaskan.
Il nostro eroe rifugge la violenza (non di rado i ‘cattivi’ si redimono, colpiti dalla sua generosità e dal suo perdono) e non usa armi da fuoco, ma solo il suo infallibile lazo a cavallo del suo indomito puledro nero.

SE IL LESSICO E’ AGONIZZANTE,
SALVIAMO IL MONDO DALLE TENEBRE CON LA LUCE DEL VOCABOLARIO E
CATECHIZZIAMOCI A VICENDA. 
SPRECATE ANCHE VOI GLI AGGETTIVI E I SOSTANTIVI INSIEME A NOI
: SONO TUTTI GRATIS E NON COSTANO NULLA,
SEMPRE REPERIBILI PRATICAMENTE OVUNQUE, ECOLOGICI E RICICLABILI, BUONI
PER QUALSIASI CLIMA E
STAGIONE, APPETITOSI E FACILMENTE DIGERIBILI, DISPONIBILI IN TUTTE LE
TAGLIE , MODELLI E COLORI.

MANDATELI IN REGALO AI VOSTRI AMICI E AI
VOSTRI PARENTI, DESTINATELI NELLA VOSTRA DICHIARAZIONE DEI REDDITI AL
POSTO DELL’ OTTO PER MILLE, POTETE ADOPERARLI ANCHE IN BAGNO INVECE
DELLA CARTA IGIENICA, USATELI PER FARE LA CARITA’ AI LAVAVETRI, AGLI
ZINGARI E AI BARBONI, ANCHE A VOSTRA MOGLIE/MARITO E ALLA VOSTRA
RAGAZZA/O PER SAN VALENTINO FATEGLIENE UN BEL MAZZO COSI’, SE QUALCHE
INFELICE COI NERVI ESAUSTI E LOGORI AL SEMAFORO VI SUONA IL CLACSON, VI
OFFENDE E VI MALEDICE AIUTATELO A RITROVARE IL GIUSTO EQUILIBRIO E LA
DIMENSIONE OTTIMALE DI REALTA’ ATTRAVERSO LA SCELTA E IL SUGGERIMENTO
DEGLI AGGETTIVI PIU’ GIUSTI, CONSONI ED APPROPRIATI . GARIBALDI E CAVOUR
HANNO FATTO L’ ITALIA, POI ALBERTO MANZI E GIANNI IPPOLITI HANNO FATTO
GLI ITALIANI INSEGNANDO LORO CON PAZIENZA A LEGGERE, SCRIVERE E FARE DI
CONTO, ADESSO CHE LA NOSTRA NAZIONE  E’ ORMAI (QUASI) DEL TUTTO
ALFABETIZZATA,
AGGETTIVIZZIAMOLA !!!

I
TEMPI IN CUI VIVIAMO SONO SEMPRE PIU’ DURI, E ANCHE SOPRAVVIVERE SU
EBAY STA DIVENTANDO OGNI GIORNO PIU’ DIFFICILE.  SE VOLETE CONTINUARE A
DELIZIARVI O INFURIARVI LEGGENDO E USUFRUENDO DELLE NOSTRE ATIPICHE ED
INCONVENZIONALI INSERZIONI, VISTO CHE NON COMPRATE MAI NULLA, AIUTATECI
ALMENO CON IL VOSTRO APPOGGIO E IL VOSTRO SOSTEGNO, PER UNA VOLTA
TANGIBILE E COMMENSURABILE. ACCETTIAMO OGNI FORMA DI CONTRIBUTO E
SOVVENZIONE, AL LIMITE ANCHE DANARO, MA VANNO BENE PURE PROSCIUTTI,
FORMAGGI, SIGARETTE, BUONI PASTO, BIGLIETTI DEL TRAM,  LIQUORI ,
POLLAME E ORTAGGI.

Informazioni aggiuntive

Serie

Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

You don't have permission to register