Wishlist
  • No products in the cart.
Back to top

Shop

LINUS 10 anno X 1974 peanuts dick tracy corto maltese jacovitti dino battaglia

7,59

1 disponibili

Descrizione

LINUS

a partire dall’ anno di fondazione 1965  si impone subito come la più importante e prestigiosa rivista italiana di fumetti e cultura , baricentro e veicolo supremo di espressione, diffusione e propaganda del comic d’ autore e al tempo stesso cassa di risonanza e brulicante arena del dibattito politico della sinistra progressista e radicale ma anche della intellighenzia borghese-aristocratica-filomonarchica illuminata ed umanista


all’ interno :

la recensione collettiva dei lettori di Linus al romanzo “La Storia” di Elsa Morante

PEANUTS di Charles M. Schulz

WOYZECK di Dino Battaglia (adattamento a fumetti da Georg Büchner , storia completa di 17 pagine)

JULES FEIFFER

BRISTOW di Frank Dickens

IL DOTTOR RIGOLO di Tullio Pericoli & Emanuele Pirella

Rapporto Riassuntivo n.2 : Carmine Bellezza ripara all’ estero  di Nino Vascon

CORTO MALTESE di Hugo Pratt in: CORTE SCONTA DETTA ARCANA (7a parte)

MIXED SINGLES di William Brown e Mel Casson

UP di Alfredo Chiappori

DICK TRACY di Chester Gould (daily strips & sunday pages dal 27-08-1973 al 25-09-1973)

GIONNI LUPARA di Benito Jacovitti (4a parte)

B.C. di Johnny Hart 

THE WIZARD OF ID / IL MAGO WIZ di Brant Parker e Johnny Hart

L’ UTOPIA di Enzo Lunari  (5a parte)


CASA EDITRICE MILANO LIBRI EDIZIONI s.r.l. , anno X , N.10 , ottobre 1974 , spillato , formato cm. 20,6 x 27, 4 , 112 pagine + copertina, bianco e nero

CONDIZIONI OTTIME

Jacovitti iniziò la pubblicazione di Gionni Peppe su Linus (1973) per la stima personale che l’allora direttore, , nutriva nei suoi confronti. L’autore, dal suo personale punto di vista, era persuaso che avrebbe potuto dare finalmente vita a storie più mature ma sopratutto più libere da condizionamenti, una volta svincolato dalle pastoie dei giornali “per ragazzi”  come Il VittoriosoIl Giorno dei Ragazzi e Il Corriere dei Piccoli, su cui aveva sino allora lavorato. In effetti attraverso i due Gionni, Jacovitti dà sfogo a una libertà linguistica ed espressiva, anche nella figurazione dei personaggi, che sino a quel momento non gli era stata consentita. 
Lo Jacovitti che pubblica su Linus è quello della compiuta maturità e si è dotato di un tratto oramai perfetto che rimarrà pressoché immutato. L’artista ha abbandonato la sovrapposizione quasi ossessiva delle linee che un tempo, filiformi, andavano a modulare il tratto. La sua linea, per niente modulata, adesso è sicura, perfetta attraverso un unico passaggio, assolutamente adeguata ad  esprimere compiutamente i tipi deformati e irripetibili. La consueta sovrabbondanza di figure, quasi personaggi di un dipinto di Hieronymus Bosch trasformati sullo scenario della Commedia dell’Arte, persistono ad affollare le vignette oltre ogni ragionevole limite. Come si diceva, il linguaggio parlato dai personaggi di Jacovitti si libera dai condizionamenti censori e riconquista una sua fondamentale purezza bastarda. 

La lingua di Jacovitti non è mai stata l’italiano ma un surreale gergo fatto di imbastardimenti dei termini originari, di deformazioni condizionate dalle attrazioni linguistiche delle ambientazioni dove sono mossi i personaggi. Su Linus questo linguaggio, libero di ogni freno,  assume valenze smodate, con risultanze, non si sa, se più surreali o comiche. Per inciso si sottolinea come manchi, a livello di critica fumettistica, il contributo  di uno storico della lingua sul gergo jacovittesco. In altri termini, manca qualcosa di simile  al lavoro di Omar Calabrese sulla parlata dei personaggi di Andrea Pazienza, analizzata come fusione di disparate componenti dialettali nell’ambiente degli studenti universitari.

Purtroppo la libertà riconquistata fu effimera. Jacovitti, anarchico per modi e per espressione artistica, sostanzialmente scettico in politica, non mancò di ironizzare , attraverso il suo lavoro, sulle manie dei sedicenti rivoluzionari del post Sessantotto (ma non si esimé di ridicolizzare pure l’ultradestra). I colleghi di Linus più impegnati a sinistra, il direttore Del Buono e persino la rivista stessa non furono risparmiati dal tratto dissacratorio dell’artista. 

E finì così che anche sulla “libertaria” rivista Linus certe vignette furono “purgate di alcune intemperanze” (p. 15).

La pagina delle lettere di Linus divenne una palestra su cui si cimentarono, con toni anche aspri, coloro che tacciavano Jacovitti di fascismo. Gli stessi, che nelle piazze urlavano: “la creatività al potere”, divennero  primi detrattori di una espressione singolare di creatività anarchica, e forse anche folle, nel fumetto italiano.

Il 12 dicembre del 1974, con l’unico rimpianto del direttore Oreste Del Buono, la collaborazione di Jacovitti con Linus si concluse definitivamente.


Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

You don't have permission to register