Wishlist
  • No products in the cart.
Back to top

Shop

disney LE AVVENTURE DI BIANCA E BERNIE mondadori PIETRE PREZIOSE I edizione 1977 rescuers

9,90

Esaurito

Categoria:

Descrizione

 

walt disney productions

LE AVVENTURE DI BIANCA E BERNIE

ISPIRATO AI RACCONTI DI MARGERY SHARP

 

THE RESCUERS

BERNARD UND BIANCA – DIE MAUSEPOLIZEI

LES AVENTURES DE BERNARD ET BIANCA

LOS RESCATADORES

AS AVENTURAS DE BERNARDO E BIANCA

 

CLASSICO
LIBRO PER RAGAZZI APPARENTEMENTE SANO ED INNOCUO MA DENTRO CUI PERO’ I
VILI SPACCIATORI SENZA SCRUPOLI POTREBBERO AVER NASCOSTO LE BUSTINE DI
DROGA PER INIZIARLI ALLA SCHIAVITU’  DELLA TOSSICODIPENDENZA,

QUINDI
FATE BENE A COMPRARLO DA NOI CHE PRIMA CONTROLLIAMO SEMPRE E ASSAGGIAMO
LA MERCE PER VERIFICARE CHE SIA DI QUALITA’ E NON ROBACCIA TAGLIATA CON
STRICNINA, TALCO O VELENO PER TOPI E BAGAROZZI

VERSIONE
DI TESTO SCRITTO ACCOMPAGNATA DALLE IMMAGINI TRATTE DALLA PELLICOLA USCITA NEL 1977, TESTO ITALIANO DI ELENA PAZZI SKALL.
collana Le Pietre Preziose, Arnoldo Mondadori Editore, I edizione, ottobre 1977, cartonato, tutto a colori, formato cm. 26,8×30,9 , 48 pagine

IN BUONISSIME CONDIZIONI , SOTTILE GRAFFIO VERTICALE NEL BORDO DESTRO DI COPERTINA, PICCOLI E BLANDI RESIDUI DI SEGNI A MATITA NELLA PAGINA DEL FRONTESPIZIO INTERNO

LEGENDA STATO DI CONSERVAZIONE

condizioni ECCELLENTI (o anche EDICOLA e/o MAGAZZINO) = si intende un oggetto nuovo e perfetto oppure usato senza difetti e praticamente ancora come nuovo, tenendone per quest’ultimo caso in conto ovviamente la datazione ; corrisponde a un range di grading internazionale compreso tra 8,5 e 9,8 (non assegniamo punteggi superiori a 9,8 perchè trattasi di tipi ideali a ns avviso più teorici e scolastici che reali e concreti, ogni manufatto umano in natura ha una percentuale insita e congenita seppur infinitesimale di imperfezione)

condizioni OTTIME = oggetto nuovo (o talora anche usato ma maneggiato e conservato con molta cura) in cui non si riscontra alcun difetto rilevante e degno di nota, tutt’al più qualche minimo segno di lettura o di uso ; corrisponde a un range di grading internazionale compreso tra 7 e 8,5

condizioni BUONISSIME = oggetto usato (ed in taluni casi anche fondo di magazzino soggetto a piccole usure del tempo) con lievi imperfezioni e difetti poco vistosi, generalmente molto marginali ed appena percepibili ; corrisponde a un range di grading internazionale compreso tra 5,5 e 7

condizioni MOLTO BUONE = oggetto usato con imperfezioni vistose e difetti abbastanza spiccati, pur se non completamente invalidanti (generalmente specificati nel dettaglio alla voce CONDIZIONI nella parte inferiore della descrizione di ogni singolo oggetto); corrisponde a un range di grading internazionale compreso tra 4 e 5,5

condizioni PIU’ CHE BUONE / MEDIOCRI = oggetto usato con imperfezioni e difetti evidenti, smaccati, madornali ed invalidanti, assolutamente non collezionabile tuttavia idoneo per la semplice lettura o documentazione ; corrisponde a un range di grading internazionale inferiore a 4

per eventuali ulteriori dettagli aggiuntivi e specifici si prega di fare sempre riferimento alla voce CONDIZIONI nella parte inferiore della descrizione di ogni singolo oggetto

 

Le avventure di Bianca e Bernie (The Rescuers) è il 23º classico Disney; venne prodotto nel 1977 dalla Walt Disney Productions e uscì nelle sale americane il 22 giugno 1977. Il film è focalizzato su una società di topi, chiamata Società di Salvataggio, che ha sede sotto il palazzo delle Nazioni Unite a New York;
questa società ha il compito di dare sostegno a chi ha bisogno di
aiuto; due topi che appartengono a questa società, il pavido e maldestro
Bernard e l’elegante Bianca, vanno, infatti, a salvare Penny, una
bambina rapita, con l’aiuto di uno strano albatros e di alcuni comici
abitanti della baia dov’è prigioniera Penny. Il racconto si ispira alle
novelle della scrittrice Margery Sharp, in particolare Miss Bianca al Castello Nero (The Rescuers) (1959).

Per realizzarlo dovettero lavorare per 4 anni circa 250 persone, tra
cui 40 animatori che produssero, approssimativamente, 330.000 disegni.
Furono create 14 sequenze con 1.039 scene separate e 750 sfondi. Alcuni
degli sfondi utilizzati per la Baia furono successivamente riutilizzati
nel film d’animazione La sirenetta, nella sequenza viene cantata la canzone Baciala.

L’animazione nelle scene in cui Penny fugge furono create riutilizzando parte del lavoro del precedente film Il libro della giungla (1967).
La nazione di cui è rappresentante Bianca nell’associazione dei topi è
l’Ungheria. Nelle prime scene del film, più precisamente durante la
partenza da New York, ci sono state numerose polemiche da parte degli
spettatori per via di ipotetici messaggi subliminali a contenuto
porno-satanico: controllando la scena a rallentatore si può vedere nella
finestra di un grattacielo l’immagine in questione. Tuttavia, la
sequenza è talmente veloce e sfuocata da non far scorgere chiaramente il
“messaggio” contenuto, pertanto il sospetto di immoralità religiosa e
sessuale ai danni della Disney è subito decaduto. Nelle nuove edizioni
l’immagine è stata rimossa.

Trama

 

 

 

 

Il film inizia con una bambina che lancia una bottiglia con un
messaggio di aiuto dal rudere di un battello in secca su cui è tenuta
prigioniera. La bottiglia naviga fino alle coste di New York dove viene ritrovata dalla Società di Salvataggio, una società che ricorda molto le Nazioni Unite
ed ha la sua sede proprio nelle fondamenta del palazzo dell’ONU, a cui
partecipano rappresentanti roditori da tutto il mondo. Il messaggio
viene decifrato, nonostante fosse poco leggibile a causa del viaggio in
balia delle acque, e si scopre che una bambina, di nome Penny, era stata
rapita dall’orfanotrofio Morningside. La rappresentante dell’Ungheria,
Miss Bianca, chiede di ricevere l’incarico di salvare la bambina, ma
l’assemblea accetta la sua proposta solo a patto che lei scelga un
compagno con cui affrontare la pericolosa missione. La topina,
sorprendendo tutti, sceglie l’imbranato usciere Bernie. I due topini
vanno quindi a cercare indizi nell’orfanotrofio dove risiedeva Penny e
lì incontrano Rufus, un gatto ormai troppo vecchio per dare la caccia ai
topi. Il gatto rivela loro che Penny era una bambina molto triste e
solitaria, che credeva di non essere bella in quanto nessuno voleva
adottarla. Negli ultimi tempi però una strana coppia di individui aveva
cercato di convincere Penny a salire in macchina con loro. La donna, di
nome Madame Medusa, gestiva un negozio di pegni che lei considerava una “Boutique”.

 

 

 

 

 

Bianca e Bernie si recano nel negozio di Madame Medusa alla ricerca
di indizi: trovano un libro per bambini su cui Penny ha lasciato una
firma e sentono la donna parlare al telefono con il suo assistente, il
signor Snoops, accusandolo di non essere capace di trovare un qualcosa
chiamato “Occhio del Diavolo” e di non riuscire a controllare Penny, che
riusciva spesso a scappare e a mandare messaggi in bottiglia. In preda
alla collera, la donna decide di prendere il primo volo per la “Palude
del Diavolo”, e parte con la sua macchina. I due topolini tentano invano
di inseguirla saltando nella sua valigia, ma a causa della guida
spericolata di Medusa vengono sbalzati fuori dall’auto.

Per raggiungere la “Palude del Diavolo”, Bianca e Bernie chiedono aiuto alla compagnia aerea “Albatross Airlines” gestita dall’albatros
Orville, insieme pilota e “aeroplano”, che li porta in volo fino alla
Palude del Diavolo. Lì, i due topi incontrano una strana combriccola di
topi di campagna, conigli e tartarughe, fra cui la massaia Ellie Mae,
suo marito ubriacone Luke e la coraggiosa libellula Evinrude, che conoscono Medusa e la detestano perché la donna, insieme ai suoi due coccodrilli
da guardia Bruto e Nerone, sta distruggendo la loro palude. Con l’aiuto
di Evinrude, Bianca e Bernie raggiungono il battello dove Penny è
tenuta prigioniera e ascoltando i discorsi di Medusa e Snoops scoprono
che l’Occhio del Diavolo è in realtà un enorme diamante
e che Penny era stata rapita perché era l’unica abbastanza piccola per
raggiungere il luogo dove era nascosta la pietra. I due coccodrilli
semi-addestrati, sentendo l’odore del profumo di Bianca, scoprono la
presenza dei due topini e tentano di divorarli gettando nel panico
Medusa che inizia a sparare all’impazzata con un grosso fucile. Bianca e
Bernie riescono a salvarsi per miracolo e a raggiungere Penny che si
rallegra del fatto che i suoi messaggi in bottiglia sono riusciti ad
arrivare a destinazione. I tre preparano così un piano per fuggire, ma
per riuscire nell’impresa hanno necessariamente bisogno dell’aiuto di
Ellie Mae, Luke e dei loro vicini. Bernie invia Evinrude ad avvertire
gli abitanti della Palude, ma sfortunatamente la libellula viene
bloccata da alcuni pipistrelli affamati.

Sfumato il piano di fuga, il mattino seguente Medusa e Snoops portano
Penny nel luogo dov’è nascosto il diamante: un piccolo pozzo molto
stretto che termina in una grotta dove molti pirati hanno nascosto i
loro tesori. Nascosti in una tasca della bambina, anche Bianca e Bernie
sono scesi con lei nel pozzo e l’aiutano nella ricerca, trovando la
pietra all’interno di un teschio. Dopo una precipitosa fuga, dovuta al
fatto che la grotta si stava rapidamente riempiendo d’acqua a causa
dell’alta marea,
sono costretti a consegnare l’Occhio del Diavolo nelle mani di Medusa.
Snoops vuole il 50% dei guadagni, come lei gli aveva promesso, ma Medusa
decide di non vendere il diamante e di tenerlo tutto per sé,
nascondendolo nell’orsacchiotto di Penny.

Evinrude, nel frattempo, riesce ad eludere l’assedio dei pipistrelli e
a raggiungere Ellie Mae e i suoi amici che, venuti a conoscenza della
situazione, partono subito all’attacco. Medusa intanto ha messo
all’angolo Penny e Snoops, puntandogli contro il fucile e tenendo
stretto in mano l’orsacchiotto con la gemma cerca di fuggire ma Bernie,
tendendo una corda dietro una porta, la fa inciampare facendole perdere
il prezioso tesoro. Contemporaneamente arrivano Ellie Mae e i suoi
amici, che tengono occupata Medusa con ogni mezzo – compresi mattarelli,
forconi e fuochi d’artificio – consentendo ai topini e alla bambina di
montare sulla palumobile, una specie di moto d’acqua usata da
Medusa per spostarsi sulla superficie della Palude, e di fuggire.
Purtroppo Medusa si libera dagli amici di Ellie Mae e raggiunge la
palumobile proprio nel momento in cui sta partendo. Medusa, in un
disperato tentativo di riprendere il suo diamante si aggrappa ad una
corda attaccata al veicolo e usa i suoi coccodrilli Bruto e Nerone come
sci d’acqua in un rocambolesco inseguimento dove sfoga verso di loro
tutta la sua malvagità frustandoli con la stessa corda. Dopo aver retto
troppo tempo, la corda si spezza e Medusa finisce appesa ad una delle
ciminiere del battello ormai affondato. Medusa può solo dare un ultimo
saluto al suo diamante: “Per sempre addio al mio diamante!!!”
venendo poi assalita dai suoi alligatori che la costringono a rimanere
attaccata al pezzo di relitto. Alla fine Bianca e Bernie, ritornati a
New York, scoprono ascoltando un notiziario in TV che l’Occhio del
Diavolo è stato consegnato da Penny allo Smithsonian Institute
e che la bambina è stata adottata, coronando il suo sogno di avere un
papà e una mamma. Bianca e Bernie decidono di rimanere una squadra fissa
e partono per una nuova avventura, accompagnati da Orville ed Evinrude.

Personaggi

  • Miss Bianca: è una topolina avventurosa, ma elegante, si propone
    subito di andare a salvare la bambina anche se la missione si
    preannuncia subito molto difficile. È la rappresentante ungherese nella
    Società di salvataggio.
  • Bernard: (Bernie) è l’usciere e rappresentante nella sede della
    Società di Salvataggio, Bernie accompagna Miss Bianca nella missione per
    salvare la bambina. Bernie non è coraggioso come Miss Bianca, non gli
    piace volare e crede che il numero 13 porti sfortuna.
  • Madame Medusa:
    gestisce un ufficio prestiti, questa odiosa donna non si fermerà
    davanti a nulla pur di mettere le mani sull’Occhio del diavolo. Il suo
    covo è alla Baia del Diavolo, dove vivono i suoi feroci coccodrilli americani, Bruto e Nerone.
  • Penny: è un’orfana molto sola e triste; viene rapita da Medusa
    perché abbastanza piccola da passare nell’antro dov’è nascosto l’Occhio
    del Diavolo.

SE IL LESSICO E’ AGONIZZANTE,
SALVIAMO IL MONDO DALLE TENEBRE CON LA LUCE DEL VOCABOLARIO E
CATECHIZZIAMOCI A VICENDA.
SPRECATE ANCHE VOI GLI AGGETTIVI E I SOSTANTIVI INSIEME A NOI
: SONO TUTTI GRATIS E NON COSTANO NULLA,
SEMPRE REPERIBILI PRATICAMENTE OVUNQUE, ECOLOGICI E RICICLABILI, BUONI
PER QUALSIASI CLIMA E
STAGIONE, APPETITOSI E FACILMENTE DIGERIBILI, DISPONIBILI IN TUTTE LE
TAGLIE , MODELLI E COLORI.

MANDATELI IN REGALO AI VOSTRI AMICI E AI
VOSTRI PARENTI, DESTINATELI NELLA VOSTRA DICHIARAZIONE DEI REDDITI AL
POSTO DELL’ OTTO PER MILLE, POTETE ADOPERARLI ANCHE IN BAGNO INVECE
DELLA CARTA IGIENICA, USATELI PER FARE LA CARITA’ AI LAVAVETRI, AGLI
ZINGARI E AI BARBONI, ANCHE A VOSTRA MOGLIE/MARITO E ALLA VOSTRA
RAGAZZA/O PER SAN VALENTINO FATEGLIENE UN BEL MAZZO COSI’, SE QUALCHE
INFELICE COI NERVI ESAUSTI E LOGORI AL SEMAFORO VI SUONA IL CLACSON, VI
OFFENDE E VI MALEDICE AIUTATELO A RITROVARE IL GIUSTO EQUILIBRIO E LA
DIMENSIONE OTTIMALE DI REALTA’ ATTRAVERSO LA SCELTA E IL SUGGERIMENTO
DEGLI AGGETTIVI PIU’ GIUSTI, CONSONI ED APPROPRIATI . GARIBALDI E CAVOUR
HANNO FATTO L’ ITALIA, POI ALBERTO MANZI E GIANNI IPPOLITI HANNO FATTO
GLI ITALIANI INSEGNANDO LORO CON PAZIENZA A LEGGERE, SCRIVERE E FARE DI
CONTO, ADESSO CHE LA NOSTRA NAZIONE  E’ ORMAI (QUASI) DEL TUTTO
ALFABETIZZATA,
AGGETTIVIZZIAMOLA !!!

I
TEMPI IN CUI VIVIAMO SONO SEMPRE PIU’ DURI, E ANCHE SOPRAVVIVERE SU
EBAY STA DIVENTANDO OGNI GIORNO PIU’ DIFFICILE.  SE VOLETE CONTINUARE A
DELIZIARVI O INFURIARVI LEGGENDO E USUFRUENDO DELLE NOSTRE ATIPICHE ED
INCONVENZIONALI INSERZIONI, VISTO CHE NON COMPRATE MAI NULLA, AIUTATECI
ALMENO CON IL VOSTRO APPOGGIO E IL VOSTRO SOSTEGNO, PER UNA VOLTA
TANGIBILE E COMMENSURABILE. ACCETTIAMO OGNI FORMA DI CONTRIBUTO E
SOVVENZIONE, AL LIMITE ANCHE DANARO, MA VANNO BENE PURE PROSCIUTTI,
FORMAGGI, SIGARETTE, BUONI PASTO, BIGLIETTI DEL TRAM,  LIQUORI ,
POLLAME E ORTAGGI.

 

 

Informazioni aggiuntive

Peso

Soggetto

Editore

Lingua

Genere

Serie

Autore

Anno di pubblicazione

Soggetto 2

Formato

Grado di conservazione

Caratteristiche particolari

Edizione

You don't have permission to register