Wishlist
  • No products in the cart.
Back to top

Shop

AL CAPONE N.1 CHICAGO SCOTTA edizioni RG ORIGINALE I edizione 1967 mario cubbino

19,50

1 disponibili

Descrizione

Cod. EA

gangster story

AL CAPONE e i folli anni venti

CHICAGO SCOTTA

Tra le città americane in cui ovunque la pastasciutta non viene mai servita nel piatto doverosamente al dente ma sempre come una penosa poltiglia stracotta, negli anni venti fu soprattutto Chicago a spadroneggiare e ad assurgere famigeratamente alla ribalta della cronaca nera universale non solo per il pessimo cibo ma anche per la dilagante ed irrefrenabile delinquenza malavitosa


SCABROSA E POCO CREDIBILE BIOGRAFIA A FUMETTI DEL FAMIGERATO GANGSTER AL CAPONE, LO SPIETATO, CINICO, EMPIO E SANGUINARIO BOSS DI CHICAGO NEGLI ANNI RUGGENTI DEL MITRA, DEL CHARLESTON E DEL PROIBIZIONISMO


ALBO IN PRIMA EDIZIONE ORIGINALE DEL 1967, EDIZIONI RG.

disegni di Mario Cubbino

copertina di Athos Cozzi 

in appendice : 

– HOLLYWOOD DEGLI ANNI RUGGENTI 

CONDIZIONI OTTIME, L’ ALBO NON E’ DI RESA 

Risultati immagini per proibizionismo usa

Con il nome di Strage di San Valentino si identifica il massacro compiuto a Chicago il 14 febbraio 1929 con il quale gli uomini di Al Capone sterminano la banda di Bugs Moran.

Al Capone, detto “Il Napoletano” per le sue origini campane, e
l’irlandese George “Bugs” Moran, si contendevano il controllo della
città e del mercato degli alcolici, ma con questa operazione la mafia
italo-americana prese il sopravvento. Il commando mafioso fu guidato
dall’autista e luogotenente di Capone, Fred Burke, con al seguito altri
quattro uomini. Irruppero travestiti da poliziotti in un garage al 2122
di North Clark Street, sede del quartier generale della North Side Gang,
organizzazione capeggiata in passato da Dean O’Banion e guidata poi da
George “Bugs” Moran. Allineati i sette presenti lungo un muro, come per
un normale controllo di polizia, li fucilarono alla schiena.

L’episodio resta a tutt’oggi uno dei più cruenti regolamenti di conti della storia della malavita.

Da questo episodio trae spunto l’incipit del film del 1959 A qualcuno piace caldo, con Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon, diretto da Billy Wilder.

Informazioni aggiuntive

Tradizione

Tipo

Casa Editrice

Lingua

Genere

Serie

Fascia d'età

Stilo

Anno

Fumettista

Universo

Grado di conservazione

Formato

Dettagli sui cookie

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

Tecnici Marketing Statistiche Preferenze Altro

Consenso fornito in data: id:

You don't have permission to register

Verifica la tua età per continuare la navigazione

Attenzione!!!

In questa sezione del sito possono essere presenti contenuti riservati ai soli utenti adulti (ad esempio immagini di nudi parziali ed integrali o raffiguranti scene di sesso anche esplicito) e ne è quindi vietato l' accesso ai minori di 18 anni come prevede la legge dello Stato Italiano. Il sito non contiene immagini di minorenni, atti sessuali con animali e atti violenti. Approvando questo testo certifichi di essere considerato un adulto dalla legge del tuo Paese e che quindi non puoi essere offeso o molestato dalla visione di materiale classificabile talora anche come hard o pornografico, inoltre che non stai entrando in questo sito per ottenere delle informazioni da utilizzare contro di esso, i suoi gestori o i suoi proprietari in nessun tipo di contesto legale.